webimpossibile

Identificatori occulti e disciplina sulla privacy

Cookies e privacy

Ai fini che qui interessano possiamo definire un cookie come un file di testo generato dal browser dell置tente in risposta ad una richiesta pervenutagli da un server web. Memorizzato sul computer dell'utente, il cookie contiene informazioni che identificano univocamente il computer e quindi, anche se non necessariamente, l置tente che lo utilizza. Ad ogni successiva connessione, il server web richiederà al browser il cookie precedentemente memorizzato, consentendo di delineare un profilo del visitatore per abitudini e preferenze. Se utilizzati per monitorare e tracciare un profilo dei comportamenti d置so del visitatore del sito a sua insaputa, i cookies si scontrano con l弾sigenza di tutelarne la riservatezza ponendo gravi problemi di compatibilità con la disciplina della privacy. Se finalizzati ad agevolare la navigazione da parte dell置tente ^diversamente abile^, essi si scontrano con l弾sigenza di tutelarne la riservatezza, essendo i dati inerenti la salute del visitatore dati sensibili, con ciò che ne consegue ai fini del loro trattamento [nota 1].

Evoluzione della normativa in materia

alla luce della normativa vigente la privacy non va individuata esclusivamente  nel 電iritto alla riservatezza, come libertà negativa  di non subire intromissioni nella sfera privata - "right of a person to be free from intrusion into matters of a personal nature" secondo la Britannica -, ma deve intendersi comprensiva anche del 電iritto alla protezione dei dati personali, come libertà positiva consistente nel controllo delle proprie informazioni e dei propri dati: da qui l'applicazione ai cookies.

L'attuale normativa italiana in materia affonda le sue radici nelle direttive europee in materia. E precisamente in quel gruppo di atti costituito da:

Ne diamo conto sinteticamente di seguito, evidenziando le problematiche connesse ai così detti "identificatori occulti" (cookies).

Un primo ordine di conclusioni: obblighi e facoltà dei gestori

Questo breve excursus evolutivo sul problema degli ^identificatori occulti^ consente di formulare, sia pure con i limiti della sinteticità, due ordini di conclusioni l置na inerente appunto agli obblighi e alle facoltà dei gestori dei siti, l誕ltra di carattere generale. In ordine agli obblighi e alle facoltà dei gestori di siti internet, possiamo dire che questi, quando fanno uso di cookies - fermi restando gli adempimenti generali previsti dal Codice della privacy per chi tratta dati personali:

Un secondo ordine di conclusioni: diritto alla libertà personale ed esigenze connesse alle disabilità

In linea generale, infine, possiamo dire che il condizionamento della libertà del consenso in qualche modo dovuto, e quindi subordinato, alla rigidità tecnologica è ugualmente visto con diffidenza dalle autorità preposte alla tutela della riservatezza. Pare ovvio infatti il timore che si diffondano situazioni di soggezione della libertà della persona agli strumenti elettronici: n si deve dimenticare che nel nostro ordinamento nazionale la tutela della riservatezza della vita privata trova la sua ragion d弾ssere nel diritto fondamentale costituzionalmente garantito della libertà personale (art. 13 Cost.); pertanto ogni volta che sussiste il rischio di interferire nella sfera privata di un individuo diventa necessario adottare tutte le misure idonee a garantire il rispetto del diritto (di rango costituzionale) di questo, anche a scapito delle esigenze connesse ad eventuali disabilità.Inizio articolo

Note al testo
Nota 1:
Nota 2:
Nota 3:
Nota 4:
Nota 5:
Nota 6:
Nota 7:
Nota 8:
Nota 9:
Nota 10:
Nota 11:

Back home

Webimpossibile 2004/2016

Webimpossibile

Webimpossibile [http://www.webimpossibile.net/] un progetto di Giovanni Acerboni e Lorenzo Spallino. Nato nel maggio 2004 per ragionare pubblicamente sullo stato del web, contiene riflessioni e spunti su internet, cultura e diritto. Aggiornamenti del sito vengono segnalati attraverso una newsletter a pubblicazione non periodica. Condizioni di utilizzo alla pagina http://www.webimpossibile.net/cpright.htm.

Proprietà intellettuale

I dati, le informazioni, le notizie e, in generale, i contenuti, anche grafici, contenuti in questo sito o comunque fruiti nell'ambito dell'utilizzo dello stesso, sono oggetto di proprietà intellettuale e come tali tutelati.

Testi

I contenuti di questo sito possono, ovviamente, essere citati, linkati e trascritti. Analogamente a quel che avviene nell弾ditoria a stampa, la citazione tanto pi corretta quanto pi completa: nome e cognome dell誕utore, titolo del contenuto, data di pubblicazione su Webimpossibile, link diretto al contenuto e link alla home page di Webimpossibile. Le trascrizioni - qualora fedeli all'originale - debbono essere virgolettate. Trascrizioni integrali debbono essere precedute dall'assenso dell'autore.